Come il Centered Yoga ha salvato la mia mente durante la pandemia COVID19

da | Mar 1, 2021 | Blog | 0 commenti

Un articolo della nostra cara Ana Leroy, Centered Yoga Teacher in Messico

Ana Leroy Centered Yoga Teacher in Mexico

Il 19 marzo segna un anno da quando il Messico è entrato per la prima volta in lockdown a causa della pandemia COVID19.

Le restrizioni di viaggio e movimento in Messico sono sempre state parziali, mai così rigide come in Asia o in Europa: il Messico non ha mai chiuso i suoi confini e ha sempre consentito il transito dei suoi cittadini da una regione all’altra. Nessun altro paese al mondo ha sperimentato tassi di mortalità così alti come il Messico: 1 persona su 10 che prende il COVID muore e stiamo ancora avendo 1000 morti ufficiali al giorno. La pandemia è tutt’altro che finita.

In mezzo a questa follia pandemica, spesso mi chiedo come sono stata risparmiata dal virus quando un messicano su quattro è stato infettato. Mi vengono in mente molte cose e lo Yoga è una di queste. 

Lo yoga non è molto popolare in Messico perché è costoso. Una lezione di yoga in uno studio si aggira intorno ai 10 USD. Le palestre sono molto popolari qui perché sono economiche (20 USD al mese). Le palestre promettono anche di “mettere in forma il tuo corpo”. Dimentica lo Yoga, a chi importa “centrare la mente”? Tenete anche presente che a Città del Messico – una megalopoli da 25 milioni di persone – 15 milioni di persone vivono in povertà, quindi gli studi di yoga sono un lusso riservato a un pubblico molto benestante. 

Avendo dipinto il contesto in atto per Città del Messico, concentriamoci ora sullo Yoga. 

Quasi nessuno si rende conto che lo Yoga è un allenamento per la mente. La maggior parte delle persone in Messico associa lo Yoga a una sorta di “pratica orientale” che ti permette di torcere il tuo corpo in forme folli. Quando dico alle persone, pratico Yoga da 20 anni, non riescono a crederci. Ancora meno quando dico loro la mia età e vedono i miei tre figli! La gente dice sempre: “Dovrei fare Yoga allora”. Alzo gli occhi al cielo e li saluto di rimando.  

Quando la pandemia ha colpito, ero già stressata. Sì, gli Yogi vanno in stress. Il padre dei miei figli è dovuto tornare negli Stati Uniti per trovare lavoro perché la crisi economica in Messico era profonda. Anche la realtà pandemica si inasprì:  

“Per l’anno a venire (sì, 365 giorni), devo limitarmi e prendermi cura dei miei tre figli (di 12, 8 e 5 anni e mezzo) da sola. Fare scuola online. Inoltre, lavoro a distanza. Inoltre, insegnamento (insegno commercio internazionale all’Università E ANCHE Yoga). Inoltre, le normali faccende domestiche. E i fine settimana lunghi senza “papà” a far da co-genitore. 365 giorni. Nessuna interruzione. Senza riposo. Nessun viaggio. Niente divertimento. Niente privacy. Solo facendo cose. Niente yoga. Niente di niente!”    

Quelli erano i miei pensieri quotidiani. Credete davvero che avessi tempo o voglia di yoga sotto questa nuova realtà? No.

Non ho praticato quasi nulla di Yoga da marzo ad agosto 2020. Non riuscivo a inserirlo nel mio programma con 25 riunioni Zoom a settimana e onestamente ero troppo stanca per farlo. Inoltre, mi sono rifiutata di farlo nell’appartamento con i miei tre bambini urlanti in sottofondo.  

Dimenticate zoom per le lezioni di yoga. Sono un’insegnante di centered yoga e lo yoga riguarda la consapevolezza.  Non c’era modo di collegare la mia mente a un dispositivo per “fare” una lezione di Zoom Yoga quando tutto quello che ho imparato sul Centered Yoga con Dona Holleman riguardava il “non fare” e “annullare le posture”.

Ma a settembre 2020 ero stufa. Ero stressata, irritabile, stanca e avevo preso quattro chili “saporiti”. Mi sono guardata allo specchio e mi sono detta: “Torni ad allenarti OGGI”. Mi sono letteralmente trascinata al Parque Hundido (“parco sommerso”) una domenica mattina a soli due isolati dal mio appartamento. Una parte di me non voleva tornare al tappetino Yoga. Ero stanca. Ero più pesante. Ero più impegnata. “La vita faceva schifo.”  

Ma l’ho fatto. Ho srotolato il mio materassino e lì ho ripreso a praticare lo Yoga.

Sono passati sei mesi da quella domenica mattina. Niente è veramente cambiato “dall’esterno”: stiamo ancora facendo scuola online, ho un sacco di lavoro e insegnamento a distanza, oltre alle faccende domestiche quotidiane, e il padre dei miei tre figli vive ancora in California. Inoltre, la pandemia infuria ancora in tutta Città del Messico in mezzo a piccole vaccinazioni. 

Ma qualcosa è cambiato. Qualcosa è cambiato “dentro”. Riprendendo la mia pratica Yoga, ho ricominciato a concentrarmi su me stessa. Ho letteralmente iniziato a “centrarmi” nel mezzo del caos pandemico. La mia mente era centrata. A parte i benefici fisici di riprendere la mia pratica Yoga, ho riguadagnato il dono più grande dello Yoga: una mente centrata.

Una delle premesse fondamentali del Centered Yoga è diventare consapevoli. Un anno fa non ero nemmeno consapevole di essere così stressata!  La pratica dello yoga permette alla tua mente di centrarsi. È molto semplice. Una pratica semplice per una mente complicata. La mente, spesso chiamata “la mente della scimmia” è piena di pensieri.  

Gli indù insegnavano posture yoga come parte dell’addestramento militare, che richiede concentrazione e completa attenzione, oltre alla forma fisica. Gli indù si resero conto che lo Yoga permetteva loro di centrare la mente, permettendo al loro corpo di seguire l’esempio e diventare presenti. Pienamente consapevole. Pronto per l’addestramento al combattimento. 

Durante la pandemia, quasi tutte le persone che conosco in Messico si sono concentrate su “come NON contrarre questo virus” piuttosto che concentrarsi su come mantenere la salute o mantenere la sanità mentale: lo  stress è fortemente alimentato dai nostri pensieri e da ciò che pensiamo.

Uno dei peggiori effetti collaterali della pandemia COVID19 è stato lo stress cronico, l’affaticamento e l’ansia dovuti al severo isolamento e alle condizioni stressanti di essere tenuti in casa nelle grandi città, come Città del Messico. Un amico su tre ha sperimentato stanchezza, insonnia e ansia durante l’anno pandemico. Ma indovinate un po? Quasi nessuno pratica Yoga.

La pratica dello Yoga permette alla mente di liberarsi da pensieri angoscianti e catastrofici. Ogni mattina, quando pratico Yoga nel parco, sto letteralmente facendo una “pulizia quotidiana” di TUTTI i pensieri. Come bonus, sto rafforzando il mio corpo e rafforzando il mio sistema immunitario perché lo yoga mantiene la salute in uno stato straordinario per lungo tempo.

COVID19, come qualsiasi altro virus, attacca il sistema immunitario e in particolare i polmoni. Forse non c’è nessun’altra pratica in questo momento necessaria per prevenire il (e recuperare da) COVID19 come lo Yoga.  

Gli esercizi di Centered Yoga lavorano sulla parte anteriore, posteriore, laterale e interna del corpo. Le posture yoga, sebbene appaiano statiche esternamente, hanno un’azione dinamica all’interno: gli otto principi vitali del Centered Yoga sviluppato da Dona Holleman promuovono la consapevolezza del corpo e favoriscono la coscienza interna, centrando la mente.

Perché allora non ci sono più persone che praticano lo yoga? Questa è la domanda da un milione di dollari. 

In Messico, come nella maggior parte dei paesi occidentali, tendiamo a concentrarci sulla riparazione del corpo una volta che si ammala. Quindi, se si prende il COVID19, bisogna aggiustarlo: “Uccidi il dannato virus”. Le società occidentali non si concentrano sul mantenimento della salute e dubito che persino questa raccapricciante pandemia aiuti a cambiare questo atteggiamento nei confronti della nostra salute generale e del nostro stato d’animo.

È marzo 2021 e mi sento benissimo. Sono viva. Sono in buona salute ma sono anche concentrata. La mia pratica Yoga è tornata, forse più forte che mai. Il parco in cui pratico è diventato il mio nuovo “Yoga Lab” dove ho trovato fantastici oggetti di scena (panchine, alberi, recinzioni) per aiutare con la mia pratica Yoga.   

Sono oltremodo grata. Sono di nuovo centrata.  

Puoi seguirmi su Instagram come @centeredyoga_mxcity